Assicurazione sulla casa

Pubblicato il 18 Settembre 2009

Assicurazione sulla casa

Se è vero che prevenire è meglio che curare, per quanto riguarda una casa calcolare ogni evenienza e pagare poco per volta, è meglio che ritrovarsi con debiti enormi o l’appartamento defraudato di ogni suo avere. Per far questo, occorre stipulare una polizza assicurativa sulla casa: dai rischi legati alle responsabilità civili e quelli che provengono da fattori esterni, una buona polizza protegge da quasi tutte le brutte evenienze, prevenendo danni ingenti. Vediamo quali opzioni cercare in una polizza di questo tipo, anche perché l’assicurazione per la casa è diventata ormai un prodotto altamente personalizzabile e completo, che permette di scegliere specificatamente cosa tutelare e i relativi massimali: dalla morosità degli inquilini al rischio di danni quando si trasloca, dai danni causati da cani o gatti ai rischi che invece provengono dalla nostra casa a danni di terzi.

Secondo l’articolo 1882 del Codice civile, l’assicurazione è un contratto mediante il quale l’assicuratore, dietro pagamento di un premio concordato, si obbliga entro i limiti decisi a rimborsare una parte o tutto il danno che deriva da un sinistro. Nel caso dell’assicurazione per un’abitazione i danni possono essere a terzi oppure al proprietario stesso: la polizza può coprire entrambi a seconda delle scelte effettuate. Il contratto assicurativo è da approvare per iscritto e l’assicuratore è tenuto a fornirne l’originale al contraente, mentre le altre eventuali copie sono a richiesta e a spese del contraente. Ormai le polizze assicurative per la casa non si dividono più tra polizze per l’incendio e polizze per le responsabilità civili, ma vengono invece indicate come “polizze globali”, che includono cioè l’una e l’altra cosa.

La polizza condominiale assicura il patrimonio immobiliare dei proprietari di appartamenti, la responsabilità civile che deriva dal possesso degli stessi e la responsabilità civile degli amministratori degli stabili. Tali coperture assicurative, comprendono tutti i danni economici subiti da terzi, in conseguenza alla responsabilità che si può riferire all’assicurato e alla proprietà e alla conduzione dell’abitazione. Spesso nella polizza condominiale è compresa la copertura per incendio. Nel caso in cui si decida di stipulare un’assicurazione per la propria abitazione, e in tale polizza sono presenti coperture sullo stesso danno, ognuno dei due contratti assicurativi (quello personale e quello di condominio) risponderanno e pagheranno la loro spettante parte di risarcimento fino al raggiungimento dell’indennizzo dovuto. E’ bene tener presente in ogni caso, che la polizza condominiale copre soltanto le situazioni di cui sopra: tutti gli altri casi possono essere compresi solo nella polizza assicurativa sulla propria abitazione. L’assicurazione condominiale quindi non preclude affatto la stipula di un contratto assicurativo per la casa di tipo personale, che offre invece una gamma molto più ampia di garanzie.

E’ bene verificare, prima della sottoscrizione di una polizza assicurativa per la casa, che quest’ultima possegga le garanzie relative alle seguenti situazioni:

1) incendio dei locali e del loro contenuto
 

2) rimborso spese per spargimenti d’acqua e per la ricerca e la riparazione dei guasti conseguenti
 

3) rimborso spese per danni causati dal fenomeno elettrico, quando cioè guasti o sbalzi di tensione danneggiano dispositivi elettronici, come il computer o la tv
 

4) rimborso spese per gli atti vandalici, nonché per i danni causati a pareti, porte, finestre, inferriate e infissi che possono essere causati da ladri
 

5) rimborso per la rottura di cristalli, vetri e altri materiali trasparenti (come il pvc)
 

6) rimborso per i danni derivati dalla presenza di animali domestici, nel caso se ne posseggano
 

7) rimborso spese per i danni derivati da eventi atmosferici, quali: grandine, trombe d’aria, acqua piovana che passa attraverso le brecce provocate dall’evento atmosferico, fulmine e danni elettrici conseguenti, danni provocati dal sovraccarico da neve; non è prevista assicurazione per i danni provocati da alluvione, allagamento e inondazione
 

8 ) rimborso per i danni che la propria abitazione può causare a terzi (allagamenti, infiltrazioni, oggetti che cadono dall’alto di terrazzi e balconi o finestre)
 

9) responsabilità civile del nucleo familiare, che copre tutti i danni che gli abitanti della casa possono causare a terzi all’interno o all’esterno dell’abitazione
 

10) rimborso relativo al furto di oggetti di un certo valore all’interno dell’abitazione, arredi e apparecchi elettronici
 

11) la presenza nel contratto di un servizio di assistenza 24 ore su 24 per informazioni, reperimento e invio di tecnici

Per quanto riguarda le garanzie relative ai danni elettrici, d’acqua o relativi a incendi, è necessario fornire all’assicurazione la certificazione che gli impianti dell’appartamento siano a norma di legge.

Inoltre è bene considerare per quanti anni si sottoscrive la polizza: la scadenza annuale del contratto è preferibile, in quanto lascia la libertà di cambiare compagnia assicurativa qualora ci si sia trovati male con la compagnia con cui si è firmata la polizza, durante l’anno di contratto trascorso.

Prima di firmare il contratto, oltre alle garanzie incluse, prestare molta attenzione anche a quelle escluse, cui solitamente è dedicato un paragrafo della polizza.

Infine considerate anche se la polizza prevede la copertura legale di eventuali cause derivanti dai danni a terzi: il premio ovviamente sale nel caso in cui sia presente questa voce, ma le garanzie aumentano.

fonte ;http://blog.mioaffitto.it/

Scritto da Notizie immobiliari

Con tag #le assicurazioni

Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post