Assicurazione sulla casa 3

Pubblicato il 18 Settembre 2009

Assicurazione sulla casa 3

Per legge, ogni individuo in possesso di un veicolo motorizzato (automobile, motorino, moto, camion, furgone), è obbligato a stipulare un’assicurazione per la responsabilità civile sul veicolo stesso. Se le offerte della compagnia assicurativa scelta per il proprio veicolo ci soddisfano anche per l’eventuale polizza per la casa, stipulare un contratto di assicurazione anche per la propria abitazione con la stessa compagnia, non sarebbe una cattiva idea: spesso infatti, stipulare più polizze, anche se di tipo diverso, con una stessa compagnia, significa ricevere degli sconti cumulativi sul premio, che possono sempre far comodo. Risparmiare è sempre una buona idea!

Quando ci si addentra nel mondo delle assicurazioni, è bene essere a conoscenza del significato di alcuni termini che fanno parte dell’ambiente e che sono utilizzati nella stesura del contratto. Prima di firmare, occorre essere consapevoli di tutto ciò che è scritto nella polizza.

1) Indennizzo
La legge lo chiama anche “equa indennità”: è il compenso riconosciuto al danneggiato, qualora l’autore stesso del danno sia sollevato dall’obbligo di procedere all’integrale risarcimento (perché ha agito in stato di necessità o per incapacità dovuta a infermità). In questo caso, il risarcimento è pagato appunto dall’assicurazione e per questo indicato con la parola “indennizzo”.

2)Massimale
E’ la cifra massima che l’assicurazione si impegna a pagare nel caso di un determinato danno previsto dalla polizza. Se il danno supera quella cifra, l’assicurazione non lo copre interamente, ma solo per quanto è indicato dal massimale stesso. Per questo si scelgono massimali sempre piuttosto alti, in previsione di danni anche ingenti. Esiste il massimale per il furto e quindi per il contenuto della casa, per lo scasso di porte e finestre, per l’incendio della casa, etc Più i massimali sono alti, più è alto il premio della polizza.

3) Premio
E’ il costo della polizza, da pagare annualmente o in più rate (con eventuale applicazione di addizionali, in parole povere interessi relativi ai tempi di frazionamento), a seconda degli accordi presi tra contraente e assicuratore. Ovviamente il premio è pagato dal contraente alla compagnia assicurativa.

4) Franchigia
E’ il tetto minimo sotto il quale la compagnia assicurativa non risarcisce il danno. Nel caso dell’assicurazione per la casa, la franchigia può riguardare i danni che si verificano con maggiore frequenza, come spargimenti d’acqua e ricerche del guasto, fenomeni elettrici, eventi atmosferici e vandalici; tale voce non è eliminabile dal contratto. Solitamente la franchigia di un contratto assicurativo si aggira intorno ai 100-150 euro. Bisogna tener presente che più è alta la franchigia, più risulta basso il premio della polizza assicurativa.

Assicurare un’abitazione diventa quasi necessario se:
1) è di proprietà
2) oltre ad essere di proprietà, la si occupa direttamente
3) ci sono animali domestici in casa
4) ci sono bambini piccoli in casa
5) ci si trova a un piano alto con terrazzo o balconi e possono cadere oggetti che potrebbero danneggiare cose o persone al di sotto
6) si posseggono molti beni di valore in casa
7) si posseggono molti dispositivi elettronici che oltre a poter essere rubati, possono subire danni derivanti da guasti elettrici.

Prima di decidere a quale compagnia affidarsi, valutare attentamente le opzioni che vengono offerte e rapportarle alle proprie singole esigenze. Inoltre è consigliabile confrontare i costi delle polizze di varie compagnia, prima di scegliere. Molte compagnie assicurative offrono preventivi immediati online, compilando dei form con i propri dati e i dati dell’immobile da assicurare; altre compagnie forniscono preventivi direttamente in agenzia. Recatevi nelle agenzie o effettuate preventivi online, tenendo conto su un vostro foglio a parte dei costi delle varie compagnie rapportate ai servizi offerti e scegliete poi la compagnia che vi offre un buon rapporto qualità/prezzo, cioè maggiori garanzie utili a voi, a un costo minore. Le compagnie assicurative online sono da considerarsi valide al pari di quelle tradizionali.

Fonte; http://blog.mioaffitto.it/

Scritto da Notizie immobiliari

Con tag #le assicurazioni

Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post