Pubblicato il 8 Settembre 2009

Gli accessori per il bagno sono in continua evoluzione per assecondare i gusti del semplice cittadino ma anche dell'architetto e dell'interior designer. Nasce l'esigenza di nuovi materiali più duttili e in linea con i tempi
ArredoBagno, nuovi materiali crescono


L’occasione per mettere in mostra e sfoggiare nuovi materiali la offre sicuramente la vetrina specializzata del Cersaie (Bologna Fiere, 29 settembre – 3 ottobre 2009), il Salone Internazionale della Ceramica per l’Architettura e dell’Arredo Bagno.

A proposito di nuovi materiali l’azienda specializzata nell’arredobagno Isa propone varie novità in anteprima al prossimo Cersaie.

Una novità assoluta è il nuovo materiale Isa Tech, duttile e flessibile, impermeabile e modulare, utilizzato per i nuovi complementi d’arredo bagno.

Un esempio è costituito da Yacht e Cambusa, proposto sia come tappetino o pedana per doccia (Yacht) sia come seduta/portabiancheria (Cambusa).

Yacht misura cm 72×54

Cambusa ha un diametro di 30 cm ed alto 45 cm

Leggi i commenti

Scritto da Notizie immobiliari

Con tag #tutto per la casa

Repost0

Pubblicato il 8 Settembre 2009

Sarà presentata a Trento “Green Model House (GMH) ITEA”, la casa in legno realizzata secondo i canoni della bioedilizia. Certificate le materie prime e le costruzioni finite
Case in legno, certificate LEED e in bioedilizia - http://www.sxc.hu/profile/Ayla87

Tecnici ITEA, docenti universitari e professionisti di settore provenienti da CNR-IVALSA, Fondazione Bruno Kessler (FBK) e studi tecnici privati insieme per dar vita a una casa in legno progettata secondo i canoni della bioedilizia: “Green Model House (GMH) ITEA

Il legno nelle costruzioni è oggetto di rinnovato interesse, specialmente in Trentino.
Il “
Piano Straordinario per l’edilizia abitativa sociale ITEA” stima infatti oltre 300 gli alloggi (circa il 10% del fabbisogno totale) da realizzare in legno nel prossimo futuro.

Materia prima (legno) e edificio realizzato saranno oggetto di certificazione L.E.E.D. (Leadership in Energy and Environmental Design).

Leggi i commenti

Scritto da Notizie immobiliari

Con tag #Normative energetiche

Repost0

Pubblicato il 8 Settembre 2009

Si parla, non sempre a proposito, di certificazione energetica degli edifici ma quasi mai nessuno si prende la briga di spiegare cos'è e soprattutto come viene eseguita e con quali strumenti

 

Certificazione energetica degli edifici, gli strumenti per eseguirla


Già, per definire come dovrebbe essere seguita la
certificazione energetica degli edifici e con quali strumenti potrebbe tornare utile la storiella di quel produttore di vino che in punto di morte per mettersi a posto con la coscienza rivelò agli eredi che il vino in realtà si può ottenere “anche dall’uva“.

Ma quelli erano sicuramente tempi di metanolo

Venendo invece alla certificazione energetica degli edifici, non è raro il caso che venga eseguita senza che il professionista addetto si muova dal proprio ufficio, cioè unicamente sulla carta.

Male, perché così si vanifica la norma e si rende un pessimo servizio a tutta la filiera oltre che rimpinguare le tasche di gente senza scrupoli (in Italia? ma quando mai?).

A titolo esemplificativo, alcuni degli strumenti che dovrebbero essere presenti nella Valigetta del Certificatore (la valigetta lascia presagire che il certificatore sia pronto a uscire dall’ufficio per visitare l’immobile che deve certificare…).
Nell’ordine:

Termoflussimetri (strumento che permette di misurare le trasmittanze termiche delle pareti opache di un intero edificio (anche di grandi dimensioni) in un’unica sessione di misura. Grazie ai suoi collegamenti senza fili, è possibile monitorare contemporaneamente e per lunghi periodi tutti i punti di misura necessari).

Termocamere (un esempio è la Termocamera SAT S 280, con le seguenti caratteristiche:

* Detector UFPA di quinta generazione 320×240pixel, frequenza 60Hz
* Sensibilit termica: 0.08C a 30°C
* Commento vocale di 40 sec. e commento di testo associabili ad ogni termogramma
* Visibile integrato e sincronizzato con il canale IR
* Memorizzazione filmati a bordo
* Monitor LCD 3,5″ orientabile e richiudibile
* Puntatore Laser
* Commento di testo sovrapponibile all’immagine IR
* Interfaccia USB 2.0 integrata per trasferimento fino a 25 frame/sec a PC con l’ opzione MODULO REAL TIME
* Lampada a LED a basso consumo per registrazione di immagini al buio

Valigetta del certificatore energetico (Una raccolta selezionata di strumenti indispensabili all’attività del professionista che si appresta ad operare nella verifica delle dispersioni energetiche degli edifici).

Spessivetri
(Strumenti per la misura e la individuazione delle caratteristiche specifiche di vetri da infissi e superfici vetrate in genere. Indispensabili per il professionista della manutenzione ed istallazione di infissi).

Nella speranza che adesso sia appena un po’ più chiaro il ruolo del Certificatore energetico (che se utilizzerà qualcuno o tutti gli strumenti a disposizione non potrà chiedere una “modica cifra”, ma farsi pagare il giusto), informiamo i lettori e anche i professionisti che possono trovare tutte le informazioni (ma anche notizie su Corsi di formazione) visitando il sito di Carlesi. (anche di altre aziende, s’intende, ma noi per adesso conosciamo quello).

Leggi i commenti

Scritto da Notizie immobiliari

Con tag #Normative energetiche

Repost0

Pubblicato il 8 Settembre 2009

Ivas, Internorm e Saint-Gobain Isover organizzano il 22 settembre 2009 un convegno dedicato alla progettazione integrata di edifici energeticamente efficienti
Efficienza energetica, tutto dipende dal progetto della casa

La cornice è quella di Villa Erba a Cernobbio, e il titolo del convegno è “La progettazione dell’edificio energeticamente efficiente. Pareti – Serramenti – Coperture”.

Ovviamente ogni professionista è in grado di progettare un edificio, ma quando si ha a che fare con l’efficienza energetica le cose cambiano notevolmente.

Soprattutto oggi che le esigenze del committente si sono fatte pressanti e specifiche, anche in risposta ad altrettanti vincoli imposti dalla Pubblica Amministrazione.
Fornire il know-how in loro possesso per favorire una corretta progettazione è l’obiettivo che gli ideatori del convegno intendono raggiungere.

Con l’intento finale che il professionista sia in grado di realizzare un perfetto equilibrio tra abitazione ed ambiente, fino ad arrivare alla Casa Passiva.

Per questo motivo si parlerà di temi specifici come ponte termico corretto, trasmittanza termica media e trasmittanza termica periodica, perché venga presa in considerazione non solo la gestione invernale ma anche estiva dei fabbisogni energetici dell’edificio.




 
         
 
 
  download invito

PROGRAMMA:
Ore 13.45 Welcome Coffee /Registrazione
  Saluti introduttivi
Ore 14.30 Valentino Carboncini
Presidente Ance Como
Ore 14.40 Piero Torretta
Presidente Consorzio Ance Energia
Ore 14.55 Giuliano Dall’O'
Direttore Sacert e Docente. Dip. BEST Politecnico di Milano
Ore 15.15 Maurizio Sabbadini
Amministratore Delegato - CCL Consorzio Cooperative Lavoratori- ACLI E CISL
Ore 15.35 Carlo Castoldi – Gruppo IVAS
“Introduzione generale alle normative vigenti.
La Parete Verticale opaca,tamponamento e ponti termici -parametri da rispettare.
Termocappotto e Pareti Ventilate”
Ore 16.20 Lionello Augelli Saint - Gobain Isover Italia S.p.a.
“Soluzioni per l’involucro verticale opaco”

Ferdinando Cattaneo Della Volta Saint - Gobain Isover Italia S.p.a.
“Soluzioni per i tetti ”
Ore 17.05 Rodolfo Solaroli Internorm Italia S.r.l.
“Benessere acustico e termico a basso consumo
energetico:ruolo e importanza del serramento”
Ore 17.50 Samuel Brambilla – Mercurio Ingegneria S.p.a.
“Audit Energetico e certificazione negli edifici: l’esperienza lombarda”
  MODERATORE
Armando Selva
Già Presidente della Provincia di Como
Ore 18.00 Light Dinner - Visita (facoltativa) alla Villa Antica ed al Centro Studi
dedicato a Luchino Visconti, la sua opera ed al legame con Villa Erba.

Leggi i commenti

Scritto da Notizie immobiliari

Con tag #Normative energetiche

Repost0

Pubblicato il 8 Settembre 2009

Ci sono qua e là in Italia iniziative benemerite che andrebbero fatte conoscere meglio. Come questa che presentiamo qui sull'efficienza energetica di casa nostra, curata da una speciale sezione del WWF Italia

Efficienza energetica, mini-corso a cura di Generazione Clima



Si chiama “Corso info-formativo sull’efficienza energetica domestica” ed è a cura di Generazione Clima del WWF Italia.

Otto brevi sezioni che spiegano in maniera concisa ma sufficiente a fornire una prima informazione sul risparmio energetico, ovviamente da approfondire con altri strumenti. Oppure ponendo domande online agli stessi organizzatori del corso.

Ecco gli argomenti ognuno dei quali prende la forma di un capitolo a se stante:

Risparmio energetico in casa: un interesse comune

I consumi e le spese delle famiglie italiane: alcuni dati

Illuminazione e elettrodomestici

Scegliamo elettrodomestici più efficienti

Il corretto utilizzo dell’acqua

Lo scaldabagno


L’impianto di riscaldamento


Installiamo dei collettori solari per la produzione di acqua calda

Naturalmente ogni singolo capitolo è prelevabile online.

Alla fine si potrà anche eseguire un test di autovalutazione, ovviamente per sommi capi (non si tratta di una certificazione energetica!), dell’efficienza energetica della propria abitazione.

Leggi i commenti

Scritto da Notizie immobiliari

Con tag #Normative energetiche

Repost0

Pubblicato il 8 Settembre 2009

Un corso per addetti ai lavori sull'uso del termoflussimetro, lo strumento che consente di misurare le dispersioni energetiche di un edificio (indispensabile per la certificazione energetica)
Termoflussimetria, per individuare gli "spifferi" invisibili di casa


Titolo del corso: “Il termoflussimetro questo sconosciuto“.

Per evitare che la certificazione energetica degli edifici diventi una nuova e inutile tassa occorre che i professionisti del settore si dotino di strumenti tecnici e culturali adeguati.

Nella valutazione del bilancio energetico di un edificio la valutazione strumentale dei parametri fondamentali d’isolamento, assume grande importanza per una corretta certificazione energetica, soprattutto per gli edifici di cui non si ha disponibilità dei progetti (ma non solo).

Il Programma del corso prevede:

* Fondamenti di trasmissione del calore;
* Riferimenti normativi riguardanti la misura in opera della trasmittanza termica (ISO 9869:1994);
* Metodologie di misura in opera della trasmittanza termica riconosciuti dalla normativa vigente:
* Il termoflussimetro: funzionamento, installazione e verifica di corretta posa in opera;
* Misura della trasmittanza in opera tramite termoflussimetro: metodologie di misura (metodo delle medie progressive, metodo black box);
* Il termoflussimetro: Caratteristiche tecniche e differenze tra i modelli classici e i nuovi più performanti “Wireless”
* Il termoflussimetro  Monitoraggio on line di una sessione di misura (monitoraggio dell’acquisizione dei dati)
* Il termoflussimetro: Differenze tra i tipi di sensore di flusso.
* Il termoflussimetro: download (scaricamento) dei dati acquisiti;
* Il termoflussimetro: elaborazione dei dati scaricati;
* Uno sguardo al corso di livello II di termoflussimetria.

Prossime date di corso

8 Ottobre 2009                  Milano ………… Cod. CTF011/09
19 Novembre 2009             Bologna ………. Cod. CTF012/09
3 Dicembre 2009                Roma ………….. Cod. CTF013/09

Leggi i commenti

Scritto da Notizie immobiliari

Con tag #Normative energetiche

Repost0

Pubblicato il 8 Settembre 2009

Seminario tecnico "Casa più", confronto costruttivo su risparmio energetico ed ecocompatibilità a Castel San Pietro (Bologna) il 22 settembre 2009. Con riferimento all'approccio costruttivo "CasaClima"
Edilizia, "CasaClima" per costruire in maniera ecocompatibile



L’appuntamento è a Castel San Pietro (BO), Centro Congressi Artemide, il 22 settembre 2009, ore 14-18,30.

Ha scritto Norbert Lantschner, Direttore dell’Agenzia CasaClima, nella presentazione del seminario tecnico “Casa più, Efficienza energetica e materiali ecologici“: “La risposta al cambiamento climatico è utilizzare l’energia disponibile in modo più consapevole e con intelligenza. L’edilizia dovrebbe costruire e ristrutturare edifici in modo da non sprecare più energia e garantire invece un alto livello di comfort abitativo. Gli edifici abitativi dovranno contraddistinguersi non solo per l’alto risparmio energetico, ma anche per una tecnica di costruzione e che utilizza materiali ecologici e fonti rinnovabili.”

Ed è in effetti su questi temi che il seminario di aggiornamento richiamerà l’attenzione dei partecipanti.

In particolare si discuterà di:

• Analisi degli aspetti climatici, morfologici e geografici del sito, orientamento e forma dell’edificio

• Obiettivi di prestazione energetica dell’edificio (caratteristiche di un edificio a basso consumo, definizione della classe energetica e certificazione)

• Strutture opache: casi studio e tipologie costruttive (sistema in muratura monostrato, sistemi in legno a pannelli multistrato e a telaio, tetto in legno, coperture)

• Isolamento delle strutture opache con sistemi a cappotto (materiali di coibentazione, risoluzione dei ponti termici, posa in opera e problematiche di cantiere)

• Strutture trasparenti (isolamento termico ed acustico, oscuramento e ombreggiamento, posa in opera e raccordo tra sistema a cappotto e serramento)

Leggi i commenti

Scritto da Notizie immobiliari

Con tag #Normative energetiche

Repost0

Pubblicato il 8 Settembre 2009

Presentata in Trentino la "Carta delle limitazioni per l'installazione di sonde geotermiche a circuito chiuso". Resta comunque valido l'utilizzo di una tecnologia che fornisce energia "pulita", fatte salve alcune precauzioni
Geotermia, aree off limits alle sonde in Trentino

Si chiama geotermia e si avvale di sonde geotermiche.

A volte basta scendere in profondità appena una decina di metri sotto la crosta terrestre per trovare una temperatura costante o quasi estate e inverno senza sostanziali differenze, con un aumento di tre gradi centigradi ogni 100 di profondità.
Per sfruttare il calore presente appunto sotto la superficie terrestre è stata messa a punto da tempo, e ormai collaudata, la tecnica che prevede l’impiego di sonde geotermiche a circuito chiuso che, senza estrarre acqua dal sottosuolo, ne recuperano però il calore e lo utilizzano per la produzione di energia pulita, sia per scaldare sia per raffrescare (invertendo il ciclo).

Si pone però il problema della progettazione delle sonde a regola d’arte, così come dello sfruttamento eccessivo del sottosuolo, con l’aggravante che a oggi non sono noti gli effetti, diretti o indiretti, sui giacimenti acquiferi.

Per tutti questi motivi la Giunta Provinciale del Trentino ha posto precisi paletti per lo sfruttamento della tecnologia, vietandone l’impiego in determinate aree, la cui determinazione è riportata nella “Carta delle limitazioni per l’installazione di sonde geotermiche a circuito chiuso”.

Sostanzialmente il divieto riguarda quattro tipologie di aree:

1. aree potenzialmente interessate da manifestazioni geotermiche, idrotermali o minerali già sfruttate e/o sfruttabili;

2. aree di rispetto idrogeologico delle sorgenti, dei pozzi e delle acque superficiali;

3. aree caratterizzate da frane superficiali, rotazionali, traslative e da deformazione gravitative profonde di versante (DGPV);

4. aree prossime a faglie sismiche presunte attive.

Leggi i commenti

Scritto da Notizie immobiliari

Con tag #Normative energetiche

Repost0

Pubblicato il 8 Settembre 2009

La domotica può aiutarci a ridurre i consumi d'energia? Forse chi l'ha inventata non ci aveva pensato, ma con i tempi che corrono l'efficienza energetica anche in casa è diventata un imperativo categorico. Grazie anche alla domotica
Domotica, adesso è una questione d'efficienza energetica

Quaranta G.G.: La domotica per l’efficienza energetica delle abitazioni, Maggioli, pp.150, 22 €

L’editore Maggioli manda in libreria un volume di cui si avvertiva il bisogno.

Tratta di Domotica, un argomento ancora poco conosciuto presso il grande pubblico, ma che si va imponendo sempre di più all’attenzione quantomeno di progettisti, architetti ed esperti del settore edilizio.
Perché questa affermazione? Siamo diventati tutti così pigri da accusare difficoltà motorie anche in giovane età?

Ecco un pregiudizio da sfatare. La domotica infatti, almeno come viene intesa oggi, non è destinata alla persone in difficoltà per raggiungere e far funzionare gli apparecchi di cui la propria abitazione è dotata.



Al contrario, o in aggiunta, oggi mira soprattutto al risparmio energetico, una voce del bilancio domestico destinata a pesare sempre di più.

Per raggiungere la piena efficienza energetica il volume suggerisce tutti i possibili sistemi che la domotica mette oggi a disposizione.

Per cominciare il libro di Quaranta contiene criteri di progettazione integrata - Installazione impianti - Esempi realizzativi - Risparmio energetico a cura del prof. Attilio Carotti del Politecnico di Milano.
Particolarmente interessanti gli argomenti sviluppati nella parte quinta del volume:

La domotica e il risparmio energetico
5.1. Alcuni dati significativi in Italia
5.1.1. Previsioni di crescita del mercato.
5.2. Le nuove prospettive per la domotica
5.2.1. Il progetto di casa intelligente dell’ENEA
5.3. Integrazione dell’impianto di riscaldamento con sistema domotico
5.3.1. Il controllo “dinamico” della temperatura tramite termostato elettronico
comunicante.
5.3.2. La caldaia a condensazione abbinata ad un impianto di riscaldamento/cdz
sotto pavimento.
5.3.3. Risparmi di energia per gli usi d’illuminazione.
5.3.4. Risparmi di energia con l’utilizzo delle macro istruzioni
5.3.5. Risparmi sulle bollette con le tariffe multiorarie e il controllo degli scarichi
5.3.6. Risparmi nella gestione dell’integrazione degli impianti
5.4. Sistemi multienergia
5.4.1. Confronto tra impianti multienergia e sistemi multienergia
5.4.2. Cella termica multienergia
5.4.3. Impianto ad accumulo a stratificazione
5.4.4. Capacità dell’accumulo multienergia
5.4.5. Calcolo dei collettori solari
5.5. Sistemi domotici e involucro edilizio
5.5.1. L’inerzia termica di un edificio
5.5.2. Elementi teorici per il calcolo del flusso di calore attraverso l’involucro
5.5.3. Valutazione del risparmio energetico con la suddivisione a zone e l’utilizzo
di un sistema domotico

Leggi i commenti

Scritto da Notizie immobiliari

Con tag #Normative energetiche

Repost0

Pubblicato il 8 Settembre 2009

 
Secondo la Federazione degli Agenti Immobiliari di Bologna (FIAIP) per stimolare il mercato immobiliare occorre apportare delle correzioni al Regolamento edilizio attualmente in vigore
A sostenerlo è il presidente di Fiaip Bologna, Libero Calamosca: “Il Regolamento Edilizio va modificato. Era stato lo stesso assessore Merola a riconoscerne la necessità, prima delle elezioni. Altrimenti il mercato immobiliare non verrà stimolato.”

“Era stato lo stesso assessore Merola, nel marzo di quest’anno - ribadisce il presidente provinciale della Fiaip (la federazione degli agenti immobiliari professionali che tra Bologna e provincia rappresenta circa 400 operatori del settore) - a riconoscere la necessità di modificare il Regolamento Edilizio. Aveva opportunamente ammesso la rigidità del testo. E dunque noi restiamo dell’avviso che vada cambiato al più presto nel segno di una maggiore trasparenza e semplicità, che sia attento agli interessi economici della città e che persegua l’interesse pubblico e un uso ragionato del territorio”.

“Voglio sottolineare - ha detto ancora Calamosca - che collegare le cosiddette ‘una tantum’ alla ristrutturazione globale dell’edificio vuol dire nei fatti impedire di migliorare l’immobile per fruirlo meglio ed eventualmente metterlo sul mercato, o comunque migliorarlo sotto il profilo igienico”.

“Pertanto se non si scioglie questo nodo restano intatte le preoccupazioni di chi vede rischi di aumento dei piccoli abusi edilizi. Così come i proprietari di grandi immobili non potranno più frazionarli e metterli sul mercato per locazione o vendita. E anche questa decisione – conclude Calamosca - sempre che non venga modificata, non aiuta il settore immobiliare in un momento di crisi acuta”.

Leggi i commenti

Scritto da Notizie immobiliari

Con tag #informazioni ed andamenti

Repost0